VANTAGGI Solaio

Cube

  • Semplicità di posa
  • Eliminazione dei ponti termici
  • Ottimizzazione spessori
  • Sicurezza nei cantieri
  • Autoportanza

Semplicità di posa

facile-leggero-aircrab

Tra i vantaggi più immediati legati all’impiego di Cube, la riduzione di attrezzature e della manodopera di cantiere dipendono dalla leggerezza dei pannelli (circa 7 kg/mq), che permette estrema maneggevolezza e dalla facilità di movimentazione, garantita dalla resistenza dell’EPS.
Tutto ciò si traduce in una concreta riduzione di tempi e costi. Una ulteriore riduzione dei tempi di posa è consentita dalla preventiva predisposizione di tutti gli adattamenti che rendono i pannelli pronti alla posa in opera, quali allargamenti travetti, rompitratta e tagli inclinati.

Eliminazione ponti termici

elimina-ponti-termici

L’eliminazione dei ponti termici è garantita dalla continuità di isolamento posto anche al di sotto dei travetti in CLS ed ha come vantaggi l’eliminazione dei problemi di condensa e un considerevole risparmio energetico nel tempo. La coibentazione è incorporata nella struttura stessa del cassero, pertanto il grado di isolamento e le caratteristiche energetiche possono essere personalizzate secondo le esigenze di progetto. Lo spessore delle alette del pannello posto alla base del solaio può variare sino ad un massimo di 8 cm, in funzione del grado di isolamento che si vuole ottenere e della corretta rispondenza alle leggi vigenti.

Ottimizzazione spessori

facile-leggero-aircrab

Il sistema solaio Cube realizza solai ad armatura incrociata per la copertura di grandi luci con spessori ridotti, semplici da applicare, leggeri ed economici. L’aletta di coibentazione integrata consente l’ottimizzazione del grado di isolamento riducendo sensibilmente lo spessore finito del pacchetto solaio.

Sicurezza nei cantieri

Sicurezza-cantiere-aircrab

I pannelli cassero Cube contribuiscono a migliorare i livelli di sicurezza in cantiere. Dopo il posizionamento su adeguati puntelli rompitratta provvisori, sono in grado di reggere i carichi di prima fase (getto, personale, ferri, etc. ). La pedonabilità, consentita sulla porzione centrale dei pannelli, è stata verificata e testata secondo la UNI/PdR 30:2017. L’utilizzo dei pannelli non è usurante, poiché grazie al bassissimo peso riduce notevolmente il rischio di infortuni che potrebbero derivare dalla movimentazione di elementi.

L'autoportanza a 1,50 ml.

L'autoportanza

Il solaio Cube è autoportante (per i carichi di prima fase) sino ad un massimo di 1,50 ml. L'autoportanza varia in base all’altezza strutturale del pannello ed è frutto dell’abbinamento vincente e della collaborazione tra la massa di espanso ed i lamierini metallici (opportunamente forati, sagomati e coestrusi con l’EPS). Grazie a ciò è possibile ridurre il numero di rompitratta provvisori da collocare in fase di montaggio sotto i solai.